Il Promontorio di Piombino: passeggiate e trekking fra storia e natura

Dal golfo di Baratti a Piombino lungo l’antica Via dei Cavalleggeri, un itinerario sul mare. L’anello di Populonia fra le scogliere del promontorio. Attraverso i boschi percorrendo la Via del Crinale. Itinerari per tutti incontrando il mare e la collina. Passeggiate, itinerari di trekking, di mountain bike e a cavallo. Poi il mare delle piccole spiagge fra le scogliere.

Il percorso più gettonato è senza dubbio la Via dei Cavalleggeri, un percorso molto lungo con diverse salite e discese, ma che offre scorci panoramici senza eguali. Questo itinerario unisce il golfo di Baratti con Cala Moresca (Piombino) ed attraversa il promontorio sul lato del mare, incontrando le insenature di Buca delle Fate, Cala San Quirico, Fosso alle Canne, Spiaggia Lunga ed infine Cala Moresca. Nella parte finale si trova la passeggiata botanica che permette di conoscere la vegetazione del promontorio.

La Via del Crinale, invece, è l’itinerario che attraversa il promontorio sul crinale percorrendo la strada sterrata che unisce Populonia (Reciso) con Cala Moresca. Lungo questo itinerario si incontra la via del Monastero che conduce al sito Archeologico del monastero medievale. Si prosegue in direzione di Piombino, incontrando vari punti di osservazione del paesaggio con grandi aperture panoramiche verso il canale di Piombino, l’isola d’Elba, la Corsica e l’isola di Capraia.

Un altro itinerario molto affascinante per i suoi panorami sia sul mare che per una particolare vista è  l’Anello di Populonia. È un percorso ad anello che passa sulla scogliera sotto Populonia attraverso 3 itinerari: si parte dal golfo di Baratti percorrendo il primo tratto della Via dei Cavalleggeri. A circa metà  del percorso si aprono delle particolari viste di Populonia dal basso. Si arriva alla scogliera sopra Buca delle Fate e da qui prendiamo il sentiero che porta al Reciso (Populonia). Da qui possiamo proseguire per il borgo di Populonia o scendere verso il golfo.